for-phone-onlyfor-tablet-portrait-upfor-tablet-landscape-upfor-desktop-upfor-wide-desktop-up

Austria rompe righe con Ue per produrre vaccini con Danimarca, Israele

VIENNA (Reuters) - L’Austria rompe le righe con l’Unione europea annunciando che collaborerà con Israele e Danimarca per produrre vaccini di seconda generazione contro le mutazioni del coronavirus.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz durante una conferenza stampa a Vienna, Austria, l'1 marzo 2021. REUTERS / Lisi Niesner

Il cancelliere Sebastian Kurz ha detto che l’Austria e la Danimarca, in quanto membri del First Mover Group fondato da Kurz, lavoreranno con Israele alla produzione di vaccini contro le mutazioni del coronavirus e condurranno congiuntamente ricerche sui possibili trattamenti.

L’annuncio rappresenta una defezione dal programma congiunto di acquisti di vaccini della Ue per gli Stati membri, che è stato criticato per essere troppo lento a concludere accordi con i produttori.

Inoltre, anche i problemi di produzione e i colli di bottiglia della catena di fornitura hanno rallentato le consegne nel blocco, ritardando il rollout dei vaccini.

Sebbene la decisione di accettare che la Ue fornisca i vaccini agli Stati membri fosse corretta in linea di principio, Kurz ha detto che l’Agenzia europea del farmaco è stata troppo lenta ad approvare i vaccini e ha rimproverato le aziende farmaceutiche per i colli di bottiglia nelle forniture.

“Dobbiamo quindi prepararci per ulteriori mutazioni e non dovremmo più dipendere solo dalla Ue per la produzione di vaccini di seconda generazione”, ha detto il cancelliere in una nota.

Secondo gli esperti, l’Austria dovrà vaccinare i due terzi della popolazione, pari a più di 6 milioni di persone all’anno, nei prossimi anni, ha detto Kurz.

Kurz dovrebbe recarsi in Israele questa settimana con il primo ministro danese Mette Frederiksen per assistere di persona al lancio rapido del vaccino israeliano.

Il cancelliere ha detto che avrebbe controllato le aziende farmaceutiche con produzione nazionale tra cui Pfizer, Novartis, Polymun e Boehringer Ingelheim, oltre a parlare con importanti scienziati e medici.

Il mese scorso la Germania ha istituito una task force per far fronte ai colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento della produzione di vaccini e aumentare la produzione locale per proteggersi da future pandemie.

for-phone-onlyfor-tablet-portrait-upfor-tablet-landscape-upfor-desktop-upfor-wide-desktop-up